0

Osservaci

Osservaci
SAnto
Osservaci
SAnto
Osservaci
SAnto
Gold - Area 1 - Pittura classica e Scultura

Osservaci

di: ANTONELLO SANNA

OPERA IN CONCORSO PER: Eros e Thanatos 4.0

La spirale è una delle forme più diffuse del mondo naturale, è la traiettoria che l’energia prende quando non viene incanalata, l’andamento che segue l’evoluzione libera ma armoniosa. Questo simbolo ha sempre suscitato nell’uomo una costante e viva curiosità infatti, dalla preistoria ai giorni nostri, i motivi a spirale appaiono nel simbolismo di tutto il mondo. Essa è elemento caratterizzante di religioni, arti, tradizioni popolari e mitologia. Ne sono testimonianza le decorazioni che caratterizzano molti manufatti e architetture, appartenenti a diversi periodi preistorici e storici, presenti in tutto il mondo. Non mancano espressioni artistiche moderne che utilizzano il simbolo della spirale come elemento chiave di alcune opere. Si vedano, solo per citarne alcune, le opere di, Van Gogh, “Notte stellata”, (1889); Gregoria O’Keeffe, “Conchiglia rosa con alghe”, (1938);  Maurits Cornelis Escher, “Bond of union”, (1956).
La spirale di Sanna, nasce e si propone nella sua forma essenziale, senza elaborazioni particolari e altri elementi che possano distogliere l’attenzione da colei che è la protagonista. Tuttavia nell’estetica apparentemente semplice, tale opera racchiude un forte significato che ben si presta ad essere espresso attraverso questo simbolo.
La vita presente o la vita dopo la morte. Eros e Thanatos, la pulsione in una o nell’altra. Una linea che si avvolge su se stessa, prolungando all’infinito il proprio movimento circolare che nasce dal punto di origine, mantenendo una pulsione costante e infinita.
Nell’opera di Sanna, oltre alle 3277 piccole spirali, che formano un’unica grande spirale, è evidente anche la grande spirale bianca, gemella della prima. Le due grandi spirali presenti nell’opera, esistono una in virtù dell’altra, la prima non esisterebbe senza la seconda e la seconda non potrebbe esistere senza la prima, in eterna progressione per loro stesse e quindi l’una per l’altra. Vita e Morte, Eros e Thanatos.


Dossier Biografico di SAnto

Nato a Sassari nell’aprile del 1985, nella stessa città frequenta prima la scuola media annessa all’Istituto Statale d’Arte “Filippo Figari” e in seguito, lo stesso Istituto Superiore, dove consegue il titolo di Maestro d’Arte Ceramica e la maturità...

Scheda dell'artista
Ultime news

Il Blog di Adrenalina

Anthropocene

La Biennale di Venezia nella sua 58° edizione di Julie Kogler

I premiati di Adrenalina 5.0 Eros & Thanatos

Art of vandalism ?